Il giusto concime per i pomodori

Come ottenere un raccolto abbondante

Coltivare il pomodoro è relativamente semplice, chiunque può farlo, tuttavia i risultati possono cambiare anche dal concime utilizzato in fase di coltivazione.
Chi coltiva il pomodoro, nell’orto o in vaso, tendenzialmente punta a:

  • produrre in quantità;
  • ottenere la qualità dei frutti (intesa come sapore ma anche come integrità del prodotto);
  • preservare l’ambiente coltivando in modo ecocompatibile.

Ma quale concime utilizzare per coltivare il pomodoro coniugando questi tre obiettivi?
Per rispondere a questa domanda, abbiamo realizzato BRAVE Energizzante.

Si tratta di un concime di altissima qualità con caratteristiche particolarmente indicate al pomodoro:

  • è un concime organico liquido a effetto biostimolante;
  • contiene idrolizzato proteico ed estratto di alga, sostanze ricche di amminoacidi che aiutano la pianta a superare i momenti critici;
  • può essere utilizzato per via radicale, diluendo il contenuto di un tappo in 3 litri di acqua e annaffiando alla base delle piante con questa soluzione anche tramite annaffiatoio;
  • si può applicare per via fogliare, diluendo il contenuto di un tappo in 10 litri e irrorando con una pompa a spalla sulle piante per intero.

I biostimolanti rendono le piante più forti e capaci di resistere a questi ed altri tipi di stress.

Pertanto Brave Energizzante non solo garantisce una maggiore produzione e una migliore qualità dei frutti, ma aiuta anche la pianta a resistere a stress di vario genere, sia dovuti dalle condizioni ambientali sia agli attacchi di agenti patogeni.

Brave Energizzante è inoltre un concime consentito in agricoltura biologica, quindi sicuro per la salute di chi poi gusterà i pomodori.

Una dritta in più

Come prendersi cura delle piante di pomodoro?

Una volta piantate le piantine di pomodoro, è necessario tenerle controllate quotidianamente, ma questo non deve tradursi necessariamente in irrigazioni quotidiane: troppa acqua è nociva come troppo poca. Osservare lo stato di umidità del terriccio è quindi una pratica fondamentale per stabilire se annaffiarle o no.

Il terreno per la messa a dimora delle piantine di pomodoro deve essere lavorato in profondità, ammendato abbondantemente e arricchito bene di sostanza organica, sotto forma di letame abbondante e maturo.

Il pomodoro è una specie a ciclo lungo, è molto esigente e il nutrimento non deve mai mancare. Il letame serve per la concimazione di fondo e per mantenere il livello di sostanza organica del terreno; tuttavia è utile somministrare ulteriori concimi perché si tratta di una pianta ad alte esigenze nutritive.

Eccessi di caldo?

I cambiamenti climatici in atto ci impongono di fare i conti con ondate di calore estive frequenti e durature: le piante ne soffrono almeno quanto noi.

Nei pomodori l’eccesso di caldo si traduce in una scarsa colorazione dei frutti; infatti il pigmento responsabile della colorazione rossa, ovvero il licopene, è inibito a temperature oltre i 30-32 °C e i frutti in queste condizioni restano parzialmente gialli. La vegetazione risulta un po’ stentata e i fiori cadono precocemente.

Per prevenire gli inconvenienti di questo tipo viene ancora una volta in soccorso BRAVE Energizzante, che aiuta le piante nella resistenza agli stress, anche quelli di tipo abiotico, ovvero che non dipendono da parassiti o patogeni.

Prodotti suggeriti

Brave Energizzante

Prodotto dall’effetto rivitalizzante, che favorisce fioriture esplosive e sostiene le piante nei momenti di stress biotici e abiotici. Una spinta alla crescita del tuo verde.

Continua a leggere...